Il 13 maggio Banca Etica in Assemblea a Torino

20/04/2017

 

 

di Giuseppe Di Francesco, Arci nazionale

 

foto_banca_etica.jpgApproda a Torino, nella storica sede del Gruppo Abele in Via Trapani 95 (ingresso da Via Sestriere 34) il prossimo 13 maggio, l’Assemblea dei soci di Banca Etica, che festeggia i 18 anni dall’apertura del primo sportello (a Padova l’8 marzo del 1999) con i buoni numeri del Bilancio 2016 che i soci saranno chiamati ad approvare.

Un 2016 che chiude con un utile superiore ai 4 milioni, che verranno accantonati, per accrescere i mezzi propri e con essi la capacità della banca di concedere credito nel rispetto dei requisiti patrimoniali imposti dalla normativa (il CET1 di Banca Etica è al 12,5%). Ma soprattutto un significativo incremento della raccolta ( 15%) e degli impieghi deliberati ( 12%), vicini a un miliardo di euro, mantenendo il tasso delle sofferenze nette, un indicatore dello ‘stato di salute’ del credito concesso, attorno all’1% (circa un quinto di quello medio del sistema bancario italiano).

Ma c’è un motivo in più per invitare i tanti soci, circoli e comitati dell’Arci che sono soci di Banca Etica ad essere presenti all’Assemblea di Torino, in cui si voterà anche per il rinnovo del Comitato Etico.

Il Comitato Etico è uno strumento peculiare di una banca diversa come è e vuole essere Banca Etica, da semprea presidio affinché la banca si sviluppi nell’ambito dei criteri di eticità individuati dallo Statuto e dal Codice Etico.

In questi anni il Comitato Etico è stato interlocutore prezioso per i Soci e per il CDA, autonomo ed autorevole nell’accompagnare l’evoluzione della banca ed il suo muoversi con coraggio ma anche con barra dritta anche su territori nuovi.

Per l’elezione dei 7 componenti il Comitato Etico ci saranno 17 candidati, tutti di alto profilo morale e professionale (non è prevista indennità o compenso alcuno per i componenti del Comitato Etico).

Tre di essi sono stati proposti, così come prevede il Regolamento assembleare, dal Coordinamento dei Soci di riferimento, che comprende i soci fondatori di Banca Etica e tra essi anche l’Arci.

Sono Soana Tortora (ex dirigente delle Acli, proposta da FIRST-CISL), Enrico Fontana (dirigente di Legambiente ed ex coordinatore nazionale di Libera, proposto da Legambiente) e Nuccio Iovene.

Nuccio Iovene è stato dirigente dell’Arci negli anni ‘80 e ‘90, fu il primo portavoce del Forum del Terzo Settore, fondatore e primo presidente di Transfair-Fairtrade, fondatore e nel primo CDA di Banca Etica, Senatore per due legislature e poi a Lamezia nello staff del Sindaco Gianni Speranza.

Anche per sostenere la candidatura di Nuccio e degli altri candidati proposti dai soci di riferimento, sarà importante che come sempre l’Arci in Assemblea di Banca Etica sia presente e ben visibile.

Ma da due anni le assemblee sono due, in contemporanea in Italia e in Spagna, quest’anno a Santiago de Compostela (Banca Etica ha migliaia di soci in Spagna, una filiale a Bilbao e uffici di rappresentanza a Madrid e Barcellona), mentre dall’anno scorso è anche possibile votare online, registrandosi nelle due settimane precedenti l’Assemblea ed esercitando il voto a partire dai due giorni precedenti: un modo in più per esserci e contare.

E allora da Torino, da Santiago o dalla rete, facciamo sentire la presenza dell’Arci all’Assemblea dei soci di Banca Etica!

 

Istruzioni per la partecipazione e per il voto

 

Per partecipare online: 

Dovrai registrarti in anticipo, all’indirizzo web partecipazione.bancaetica.it entro il 7 maggio, indicando il Codice socio in Banca Etica (CAG) e il Codice Fiscale: se Banca Etica ha già registrato un tuo numero di telefono mobile, riceverai un ‘codice di attivazione’, altrimenti per confermare la registrazione dovrai inviare la copia di un documento di identità. Successivamente alla registrazione potrai esprimere il voto, a partire dalle ore 8 dell’11 maggio e sino al termine delle operazioni di voto il 13 maggio.

 

logo_banca_etica.jpgPer partecipare di persona o per delega in Assemblea:

Se partecipa il presidente del comitato/circolo, dovrà portare con sé:

- un documento di identità;

- l’autocertificazione, realizzata compilando la prima parte (Autocertificazione Legale Rappresentante) del modello di autocertificazione e delega (socio diverso da persona fisica) disponibile sul sito partecipazione.bancaetica.it;

- il modulo con il codice a barre ricevuto con BancanotE (se disponibile).

Per conferire delega ad un altro comitato/circolo socio (o ad una persona fisica socia) di Banca Etica, occorre presentare:

- la fotocopia fronte/retro del documento di identità del presidente;

- l’autocertificazione, realizzata compilando la prima parte (Autocertificazione Legale Rappresentante) e la delega, realizzata compilando la seconda parte (Dichiarazione di delega ad altro socio) del modello di autocertificazione e delega(socio diverso da persona fisica) disponibile sul sito partecipazione.bancaetica.it;

- il modulo con il codice a barre (se disponibile).

In  ogni caso vanno apposti data, timbro e firma: le firme non devono essere autenticate mentre le autocertificazioni consentono di non dover produrre i documenti come lo statuto e i verbali.

Chi partecipa in quanto persona fisica socia di Banca Etica dovrà semplicemente esibire il proprio documento di identità ed il modulo con il codice a barre (se disponibile), mentre in caso di delega servirà:

- la fotocopia fronte/retro del documento di identità;

- la delega, realizzata compilando il modello di autocertificazione e delega (persona fisica);

- il modulo con il codice a barre (se disponibile).

 

ArciReport, 20 aprile 2017



Tags :

Lascia un Commento



(Il tuo indirizzo email non sarà visualizzato pubblicamente.)



image image image image image image image image image image image
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss
rss